SULLA SOGLIA

SULLA SOGLIA

ispirazioni da Emily Dickinson

di Milena Costanzo

con Milena Costanzo, Elia Baioni e Alessio Cerfeda

paesaggi sonori Elia Baioni e Alessio Cerfeda

foto Paola Codeluppi

oggetti di scena Okko – Parma

organizzazione Antonella Miggiano

Questo è un lavoro sulla soglia. Quel momento in cui non sei ancora passato dall’altra parte, ma non sai più esattamente dove ti trovavi prima. Una condizione ineluttabile, ma privilegiata.

Perché ai gatti piace tanto stare nel passaggio tra due stanze? Ci dev’essere un motivo ben preciso. Da lì osservo chi è già entrato in una stanza, il suo ruolo ben definito e le sue azioni precise.

E mi dico che se anche, un giorno, io avessi il coraggio di passare oltre non credo riuscirei a fare granché. C’è un’ adolescenza nelle aspettative del passaggio. C’è un periodo tutto nuovo che aspetta di essere vissuto con le nuove regole del gioco. I frammenti del “prima” non si sa più come usarli o ci sembrano vecchi reperti del passato. A che gioco giochiamo? Possibile che l’avere imparato tanto si riveli perfettamente inutile? “Sono viva – mi sembra”.

Ci aiutano in questa suggestione i versi di Emily Dickinson, poetessa regina del trapasso, e un adolescente alle prese con il suo basso elettrico.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...